TANZANIA E BURUNDI

 TANZANIA E BURUNDI

Dal Lago Tanganyika ai parchi del nord della Tanzania

PROGRAMMA DI VIAGGIO:

1° giorno: Bujumbura

Arrivo a Bujumbura. Disbrigo delle formalità doganali, incontro con la guida e trasferimento all’albergo. Nel tardo pomeriggio, aperitivo sulle rive del lago Tanganyika al tramonto. Cena in uno dei ristoranti della capitale e pernottamento sul lago.

2° giorno: Bujumbura – Parco della Rusizi – Bujumbura

Al mattino, dopo la colazione sulla spiaggia, visita di Bujumbura con immersione nei colorati quartieri africani. Piccolo tour al centro artigianale di Musaga e nei mercatini dell’antiquariato. Dopo pranzo, trekking al parco della Rusizi, in cerca di ippopotami e coccodrilli. Il parco si trova nelle vicinanze della capitale, sul delta del fiume Rusizi ed ospita numerose specie di uccelli, tipici dei fiumi africani, oltre ad intere famiglie di ippopotami che restano immerse nell’acqua fino al crepuscolo. Cena in uno dei ristoranti della capitale e pernottamento sul lago.

3° giorno: Bujumbura – Rumonge – Bururi – Riserva di Kigwena – Buta

Al mattino, partenza per la cittadina di Rumonge, vivace punto di incontro e scambi commerciali. Da vedere è il porto dove è possibile incontrare commercianti e pescatori provenienti sia dal Burundi che dalla Tanzania e contadini dei villaggi limitrofi.
Passeggiata nella Riserva Forestale di Bururi durante la quale è possibile incontrare diverse specie di primati ed una ricca e variopinta vegetazione.
Nel pomeriggio, arrivo a Rutovu per visitare la Sorgente del Nilo e per un bagno ristoratore nelle vicine acque termali di Muhweza. Sistemazione in hotel, pensione completa.

4° giorno: Failles des Allemands – Chutes de la Karera – Gitega

Al mattino partenza di buon’ora e visita alle “Failles des Allemands”, una sorta di fenditura nella montagna, utilizzata dai tedeschi agli inizi del XX° secolo come baluardo di difesa dei loro possedimenti in questa parte dell’Africa. Si trova a 1950 metri di altezza e domina la depressione del Kumoso. Proseguimento per le “Chutes de la Karera”, spettacolare serie di tre cascate, alimentate dal fiume Karera nascoste da una galleria naturale di alberi e fitta vegetazione. Arrivo in serata a Gitega, antica capitale del regno e seconda città del paese.

5° giorno: Gitega – Gishora (Tambourinaires Royales) – Busekera – Teza

Dopo colazione, Visita al Museo Nazionale che conserva il patrimonio culturale del Burundi, esponendo oggetti appartenuti ai vari monarchi e alla religione tradizionale. Visita quindi al villaggio di Gishora dove è previsto l’incontro con i “Tambourinares Royales”. Al tempo stesso costruttori e suonatori dei tamburi sacri, i “tambourinares” sono gli ultimi custodi di un rito che veniva celebrato in onore del re. Il ritmo dei tamburi, le danze e le acrobazie coinvolgono lo spettatore lasciando un ricordo indelebile.
Poi, partenza alla volta del nord del Burundi. Lungo il percorso, visita al villaggio dei Pigmei di Busekera, dove è possibile incontrare questa popolazione che vive secondo usi e costumi tradizionali e ammirare i loro prodotti artigianali.
Proseguimento, quindi, per Teza dove vi è una piantagione di tè. Creata nel 1960 e situata ai margini della foresta della Kibira, la piantagione forma un tappeto verde striato che si estende fino alle pendici dei monti circostanti dando vita ad uno dei più bei paesaggi del Burundi.
Si continua poi fino a Kirundo, all’estremo nord del paese Arrivo a Kigozi, sul lago Cohoha, sistemazione in hotel, pensione completa.

6° giorno: Laghi del Nord

Giornata dedicata alla visita di una delle regioni più affascinanti del Paese. Visita dei laghi del nord, dove si effettueranno anche dei percorsi di trekking non impegnativi: il “Lac aux Oiseaux”, meta preferita di una grande varietà di specie migratorie e sedentarie e il lago Cohoha, il più grande della regione con i suoi 60 km², che segna, con le sue numerose ramificazioni il confine con il Rwanda. Lungo il percorso, sosta per la visita all’orfanotrofio delle suore di Madre Teresa di Calcutta, esempio di cooperazione.
Arrivo a Muyinga, sistemazione in hotel, pensione completa.

Partenza al mattino in direzione della Tanzania. Si passerà la frontiera a Kobero, salutando definitivamente il Burundi.  Nel pomeriggio arrivo sulle sponde del lago Vittoria, a Mwanza. Il resto del pomeriggio si trascorre in relax.
Sistemazione in hotel, pensione completa.

8° – 9° – 10° giorno: Mwanza – Parco del Serengeti

Dopo colazione partenza per il Parco del Serengeti, si entrerà da Ndabaka gate (Western corridor) e si attraverserà tutto il “Central Serengeti” in direzione del cratere del Ngorongoro.

Il Serengeti è il più antico e vasto parco della Tanzania, patrimonio dell’umanità e recentemente nominato come una delle meraviglie del mondo.
Il parco è popolato da migliaia di gnu, zebre, gazzelle che ogni anno intraprendono il “rito” della grande migrazione seguendo il ciclo delle piogge alla ricerca di nuovi, fertili pascoli, prede preferite di predatori come il leone, il leopardo o il ghepardo.
Non è difficile assistere al momento emozionante della caccia dei felini, diventando spettatori privilegiati di uno degli spettacoli più cruenti ed emozionanti della natura. Oltre a ciò, le distese sconfinate arse dal sole durante la stagione secca e verdeggianti di vegetazione durante la stagione delle piogge offrono un panorama indimenticabile e unico al mondo. Sistemazione in tenda, pensione completa.

11° giorno: Parco del Serengeti – Ngorongoro Conservation Area

Continua il safari in direzione sud-est per avvicinarsi al cratere del Ngorongoro. Il panorama dall’alto è indimenticabile, è uno scenario grandioso e di grande impatto. Emozionante la discesa nel cratere (la effettueremo il giorno successivo) dove vivono tutte le specie di animali della savana: scimmie, gnu, zebre, gazzelle, antilopi, bufali, rinoceronti, elefanti, ippopotami, leoni, leopardi, ghepardi, iene in un ecositema unico al mondo. Il vulcano ormai spento forma la caldera intatta più grande del pianeta le cui pareti sono alte 650 metri. Sul fondo, un lago alimentato da alcune sorgenti ospita numerose specie di uccelli acquatici. La permanenza all’interno del cratere è di massimo 6 ore per preservare intatto il patrimonio naturalistico.  Quindi arrivo nel pomeriggio a Karatu e sistemazione in lodge, pensione completa.

12° giorno: Arusha – partenza

Al mattino, dopo colazione, partenza per Arusha. Si arriverà in città verso fine mattinata in tempo per un buon pranzo prima del volo di rientro.
Trasferimento, nel pomeriggio, all’aeroporto Kilimanjaro.

NOTIZIE UTILI BURUNDI:

Clima: Il Burundi ha un clima tropicale influenzato sia dall’altitudine (che varia tra i 770 metri e i2.260 metri sul livello del mare) che dal grande lago Tanganica con precipitazioni maggiori nei territori dell’altopiano orientale, e minori nella zona che costeggia il lago e nella valle del Ruzizi. Le temperature in ogni periodo dell’anno oscillano pochissimo dai 23°C. nelle zone più basse ai 17°C. nelle zone più elevate. Il Burundi ha un clima particolarmente mite in ogni periodo dell’anno, la stagione secca va da giugno a settembre.

Documenti: è richiesto il passaporto con almeno 6 mesi di validità.

Visto: il visto dovrà essere richiesto prima della partenza. Consente una permanenza di 30 giorni.

Abbigliamento: si consiglia un abbigliamento pratico e sportivo con scarponcini da trekking e/o scarpe sportive con suola antiscivolo. Si consigliano abiti leggeri in lino o cotone e abiti piu’ pesanti per le zone piu’ elevate e durante la sera.

Disposizioni sanitarie: nessuna vaccinazione obbligatoria. La vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria per chi si reca in Tanzania. Vi consigliamo in ogni caso di recarvi presso il vostro medico di famiglia o presso l’Ufficio d’Igiene della vostra città per farvi indicare quali sono le vaccinazioni consigliate.

Valuta: la moneta ufficiale del Burundi è il Franco del Burundi (FBu). In Burundi non ci sono sportelli bancomat.

Elettricità: 220 Volt a frequenza di 50 Hz. La frequenza di rete è poco stabile. Prese elettriche utilizzate: presa elettrica tipo C e tipo E.

Fuso Orario: +1h rispetto all’Italia; stessa ora quando in Italia vige l’ora legale.

Lingua: Le lingue ufficiali sono il francese e il kirundi. A Bujumbura si parla anche lo swahili come lingua commerciale.

Mance: Le mance non sono obbligatorie, ma è pratica comune lasciare una mancia a guide, camerieri facchini e autisti.

Raccomandazioni: In Burundi non è sicuro bere l’acqua di rubinetto, per cui è consigliabile consumare solo acqua in bottiglie sigillate e consumare cibi cotti.

Telefono: il prefisso dall’Italia è 00257. Invece per chiamare dal Burundi in Italia il prefisso è 0039 seguito dal prefisso della propria città.

Ordinamento dello Stato: Il Burundi è una repubblica parlamentare.

Geografia: il Burundi confina, a nord con il Rwanda, a sud e ad est con la Tanzania, ad ovest con la Repubblica Democratica del Congo e il lago Tanganyika.

Religione: la religione principale del paese è il cattolicesimo, seguito dall’islamismo e dal protestantesimo.

Viaggiare sicuri : Consigliamo in ogni caso di fare riferimento al sito “Viaggiare Sicuri” del Ministero degli Affari esteri : www.viaggiaresicuri.it

NOTIZIE UTILI TANZANIA:

Clima: il clima della Tanzania è di tipo tropicale, se si esclude l’estrema sezione settentrionale predomina ovunque un clima prevalentemente regolato dagli alisei e dai monsoni. Agli alisei si deve essenzialmente la stagione piovosa tipica dell’inverno australe (con picchi precipitativi mensili che occorrono tra marzo e maggio), mentre i monsoni sono all’origine di una seconda stagione piovosa, che si manifesta tra ottobre e dicembre. Più stabili e con minori accumuli pluviometrici sono le stagioni intermedie, vale a dire quelle tra giugno e settembre e tra gennaio e febbraio.

Documenti: è necessario il passaporto con almeno 6 mesi di validità.

Visto: è richiesto un visto d’ingresso per visitare la Tanzania da pagare in frontiera o all’arrivo in aeroporto di Usd 50,00 (accettano solo dollari). Fra i documenti da presentare ricordiamo il passaporto, che deve avere una validità residua di almeno sei mesi.

Abbigliamento: è consigliato un abbigliamento comodo con capi in tela e cotone, un indumento di lana per la sera. Scarpe comode, occhiali da sole,  crema protettiva e repellente per insetti.

Disposizioni sanitarie: nessuna vaccinazione obbligatoria. Per chi proviene dal Burundi è richiesto il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla. Vi consigliamo in ogni caso di recarvi presso il vostro medico di famiglia o presso l’Ufficio d’igiene della vostra città per farvi indicare quali sono le vaccinazioni consigliate.

Valuta: La valuta locale è lo Scellino tanzaniano, che viene approssimativamente scambiato al tasso di 1 euro = Tsh1785. L’euro e il dollaro statunitense sono valute di uso comune; le carte di credito non sono ancora  accettate ovunque e spesso, per pagamenti in carta, può essere addebitato una tassa che oscilla tra il 5 e il 10%.

Elettricità: 230 Volt con una frequenza di 50 Hz, consigliamo di portare con sé un adattatore universale. Prese elettriche utilizzate: presa elettrica tipo D e tipo G.

Fuso Orario: + 2 ore rispetto all’Italia, mentre quando vige l’ora legale è + 1 ora.

Lingua: la lingua ufficiale è lo Swahili ma l’inglese è diffusamente parlato e scritto anche in tutti gli atti ufficiali.

Mance: Le mance non sono obbligatorie, ma è pratica comune lasciare una mancia a guide, camerieri, facchini e autisti.

Raccomandazioni: è consigliabile consumare solo acqua in bottiglie sigillate, senza ghiaccio, e consumare cibi cotti.

Telefono: il prefisso internazionale è 00255. Invece per chiamare dalla Tanzania in Italia il prefisso è 0039 seguito dal prefisso della propria città.

Unità di misura: nel paese vige il sistema metrico decimale.

Ordinamento dello Stato: la Tanzania è una repubblica parlamentare.

Geografia: la Tanzania confina a nord con Kenya e Uganda, a est con l’ Oceano Indiano, a sud con Zambia, Malawi e Mozambico, a ovest con Ruanda, Burundi e Repubblica Domenicana del Congo. 

Religione: secondo i dati, i Cristiani (Cattolici e Protestanti quasi a pari livello) costituiscono ormai il 45% della popolazione, seguiti dai Musulmani (40%) ed in misura minore dai seguaci delle religioni tradizionali. A Zanzibar prevalgono invece nettamente i Musulmani (99%), seguiti dai Cristiani (1%).

Viaggiare sicuri : consigliamo in ogni caso di fare riferimento al sito “Viaggiare Sicuri” del Ministero degli Affari esteri : www.viaggiaresicuri.it

 

 

Comunicazione effettuata alla provincia di Verona in data 28 aprile 2015

TOP TRAVEL TEAM di Travel Team Srl – socio unico

Via Pallone, 12 – 37121 VERONA

P.I. / C.F. / Iscr. reg. imp. 02965200237 – R.E.A. 297972
Polizza R.C. n. 63230258 ERV – Autorizzazione nr. 95397 – Provincia di Verona
Fondo garanzia n. IT/MGAFFI/00206/2016 – Capitale sociale euro 15.300 int. vers.

Condizioni come da contratto di viaggio  http://www.travelteam.vr.it/il-contratto-di-viaggio/

TARIFFE:

da definire

La quota include:

  • Jeep 4×4 con autista e carburante
  • guida parlante inglese/francese
  • hotels / tenda
  • 3 pasti al giorno, snacks, acqua minerale
  • tutti gli ingressi ai parchi in Burundi e in Tanzania
  • spettacolo dei Tambourinaires
  • ingresso al Museo Nazionale in Burundi

 

La quota non include:

  • Volo 
  • Visto
  • Assicurazione contro le penali di annullamento del viaggio e copertura medico/bagaglio: 5% del costo totale del viaggio
  • Mance
  • Extra personali
  • Tutto ciò non espressamente indicato ne “La quota include”

 

Print Friendly